La Pedalata TOSTA

Bormio
Prenota online Miglior prezzo garantito Invia richiesta Verifica disponibilità

Racconto di un'avventura dalle Alpi alle Dolomiti.


Il progetto «Pedalata» nasce con l’obiettivo di unire le due mete più ambite dai ciclisti di tutto il mondo, le Alpi e le Dolomiti, attraverso una sorta di gemellaggio Bormio - Val Badia, che coinvolge tutti gli appassionati del mondo bike e gli amanti del turismo esperienziale.

 

La Pedalata TOSTA Bormio - Val Badia - Bormio

L’idea di unire queste due realtà attraverso l’esperienza della pedalata nasce una sera, da Daniele “Stelvioman” e Klaus, davanti ad una birra. 

Si riparte dal 18 al 23 settembre, con la Pedalata Lieve in modalità bikepacking. 

La Pedalata Tosta

 

Il diario di bordo della Pedalata Tosta di Luglio

Ore 6.00 di uno splendente lunedì di luglio, Hotel Funivia di Bormio, si parte per La Pedalata Tosta.

Il programma prevede tante ore in sella, percorreremo 230km e raggiungeremo i 5.500 metri di dislivello, impresa non da poco. Il gruppo è carico, non vede l’ora di inforcare le biciclette e muoversi, al seguito lo splendido supporto di Elisa e Sara con il van. Oltre ai due ideatori de La Pedala, Daniele Schena, per tutti “Stelvioman” dell’Hotel Funivia, e Klaus Irsara, dell’Hotel Melodia del Bosco a Badia, il gruppo è variegato e molto affiatato, pronto ad immergersi in questa avventura. Omar di Felice, noto ultracyclist, guida la fila indiana che esce dal paese, seguito da Gabriele Pezzaglia e Kristian Arnth, giornalisti, e da Hannah Raynolds e Claudia Rier, un’influencer americana ed un’esperta di marketing di Siusi.

La prima salita da affrontare è il Gavia, 25 km da Bormio, passando per Santa Caterina Valfurva. Il primo tratto, con le sue pendenza lievi, ci fa godere a pieno della quiete dell’alba, ma il bello deve ancora venire. Superati i 2000m l’area diventa rarefatta, ed i colori del primo mattino sfumano i contorni grazie alle nuvole basse. Il rifugio appare in lontananza e la sosta in vetta è pura contemplazione della magnificenza della natura, che non ci fa manca nulla, anche un incontro ravvicinato con due stambecchi a bordo strada, beatamente impegnati nel loro brucare l’erbetta fresca.

La discesa verso Ponte di Legno è lunga e silenziosa, prima di riiniziare a salire verso il Passo del Tonale, accompagnati dal rumore del mondo che si sta risvegliando. Dal Tonale in poi è un constante sali scendi per arrivare all’imbocco del Passo della Mendola, percorrendo strade contornate da meleti e vigneti. In cima abbiamo superato ampiamente i 100km e siamo pronti alla picchiata verso la Strada del Vino e Bolzano. Da qui non avremo più discese davanti a noi, la strada salirà fino al Passo Gardena, ultima asperità prima di giungere in  Alta Badia. Usciti da Bolzano seguiamo la ciclabile che percorre la tratta della vecchia ferrovia fino a Ponte Gardena, le pendenza di fanno poi più arcigne fino al paesino di Lajon, arroccato all’imbocco della Val Gardena. La fatica e il caldo ormai si fanno sentire, sono tante le ore in sella, e la vetta del Passo Gardena ancora non si intravede. Ci vogliono testa e volontà per andare avanti. Da Ortisei a Selva la strada sale sempre, ed all’approccio del passo le ore in sella superano ormai la decina. Al termine della giornata mancano 25km, dieci dei quali in salita. Siamo tutti in silenzio, gli unici rumori, lo scorrere della catena ed il nostro boccheggiare. Lo spettacolo del tramonto sulla sommità del Gardena accentua la soddisfazione ed il sollievo di avercela fatta. Da qui la planata verso l’Hotel Melodia del Bosco è un piacere schietto, fra le Dolomiti tinte di rosa per l’occasione.

La notte in un paesino di montagna ha un silenzio tutto suo, profondo e confortante, quello che ci serviva dopo una giornata così intensa. Il gruppo decide di seguire ritmi diversi, c’è chi ne approfitta per un giro dei quattro passi, chi recupera e chi lavora, tutti però già rivolti all’indomani, all’incontro con il “gigante”, il Passo dello Stelvio.

Ed eccoci, alle 6.00 siamo nuovamente pronti al cospetto della maestosità del “Sas dla Crusc”, vetta iconica della valle. Sulla carta il programma sembra leggermente più facile del primo giorno, 200km e 4.000m di dislivello. Il meteo è buono, ma le previsioni indicano rischio di pioggia sul percorso. Appena partiti, la sorte ci mostra da subito che non sarà una giornata semplice, dopo pochi chilometri registriamo infatti la prima foratura. Poco male, il Passo Gardena ci attende in tutto il suo splendore, i monti pallidi emergono lenti da coltri di nubi di varie tonalità. Dalla cima scendiamo in direzione di Ortisei, dove scegliamo di percorrere il Passo Pinei, meno conosciuto fra i valichi della zona, che permette di raggiungere l’altipiano di Siusi e Castelrotto, prima della lunga planata verso la città di Bolzano. L’ampia valle dell’Adige ci accompagna a Merano fra stradine di campagna immersi nelle colorate coltivazioni di mele e uva. In lontananza si intravede l’imbocco della Val Venosta, da qui mancano 50 km prima di iniziare la scalata allo Stelvio. Il cielo inizia ad essere plumbeo e le gambe pesanti, ma l’arrivo di Klara Fischnaller, ciclista di Merano, dà nuova tempra al gruppo. Sul percorso si susseguono i paesini della valle, Naturno, Laces, Silandro, dove la strada si fa sterrata per un tratto, e il nostro aspetto diventa eroico grazie alla pioggia che ha iniziato a scendere copiosa. Siamo a Prato allo Stelvio, da qui il via all’ultima salita della nostra Pedalata. Un bar in centro diventa il nostro ristoro, parliamo poco, lo Stelvio è un misto fra rispetto, paura e desiderio. Dopo avere superato Trafoi, capiamo che nuvole e pioggia ci accompagneranno fino a Bormio. Lo scenario è epico, grigio e fosco, degno delle imprese dei campioni d’altri tempi. I pensieri, lungo gli infiniti tornanti, ci riportano inesorabili a queste immagini, e seppur stanchi ed infreddoliti, apprezziamo ogni singolo metro di questa salita leggendaria. Il cartello in vetta scatena in noi tante emozioni, soddisfazione, orgoglio, ma anche malinconia, per essere giunti al termine di questi 430km che resteranno per sempre nei nostri ricordi. Una certezza accomuna tutte le nostre sensazioni, questi tre giorni sono solo l’inizio di un’avventura magica, che accoglierà negli anni centinaia di ciclisti provenienti da tanti Paesi, uniti dalla passione, dall’amicizia e dalla voglia di percorrere un tratto di strada insieme.

Scopri i nostri servizi

Scegli Hotel Funivia per

 

PISCINA E SPA

Accesso gratuito

 

Piste da sci

Di fronte all'hotel

 

Posizione top

A pochi passi dal centro

 

Bike Hotel

Tanti servizi esclusivi

 

RISTORANTE

Gusto e tradizione

 

Family friendly

Location ideale per genitori e bimbi

 

WI-FI Free

Sempre connessi

 

PET FRIENDLY

Cani e gatti benvenuti!

Una vacanza rilassante!
Quote



Giovanni dice

Una vacanza rilassante!

Abbiamo soggiornato una notte in questo hotel situato proprio sulle piste e a due passi dalla funivia. La nostra camera aveva una vista spettacolare sulla montagna innevata ed un letto comodissimo. Il personale gentilissimo e disponibile, ha aperto la spa il giorno della partenza prima del previsto solo per me e il mio ragazzo, che dire avevamo la spa privata! Un super hotel a due passi da tutto. Ci ritorneremo!

Nuove esperienze

Le nostre proposte

La Pedalata

La Pedalata

Dalle Alpi alle Dolomiti.

Scopri
La Pedalata TOSTA

La Pedalata TOSTA

Racconto di un'avventura dalle Alpi alle Dolomiti.

Scopri
La Pedalata LIEVE

La Pedalata LIEVE

Nuovo appuntamento dalle Alpi alle Dolomiti in modalità bikepacking

Scopri
Scopri tutte le proposte
Camere

Le Camere

Un rifugio intimo e piacevole

Scopri
Colazione

Colazione

La giusta energia.

Scopri

Via Funivia, 34
23032 Bormio (SO)

Posizione strategica a Bormio

Di fronte alle piste da sci in inverno, punto di partenza ideale per scalare in bici i mitici passi Alpini e le salite più belle in estate.

come raggiungerci
© 2021 Hotel Funivia Bormio | P. Iva 09533140159 |

Prenota ora online

WhatsApp